Nell’edizione di svolta per la Mainarde Bike Race, Paolo Colonna (SCOTT RACING TEAM) ha sfiorato il bis dopo il successo del 2017, ma ha dovuto abbandonare ogni sogno di vittoria ai -2km a causa di un errore di percorso. Un errore che, con Giuseppe Di Salvo (FRM FACTORY RACING TEAM) ad inseguire, non poteva che rivelarsi fatale. Se tra le Mainarde il siciliano ha centrato la sua 3° vittoria su 4 presenze al Trofeo, e Colonna ha dovuto accontentarsi di un amaro 2° posto, Luigi Ferritto(A.S.D. TEAM GIANNINI) è tornato sul podio del Trofeo dei Parchi Naturali, confermando la 3° posizione del 2017. Se Colonna ha potuto rimediare in qualche modo, chi proprio non ha potuto nulla contro la sfortuna di giornata è stato Vito Buono (CARBONUBO.CMQ), costretto al ritiro da una foratura ai -9km.

In ottica di Classifica Generale, con questa tappa, Andrea Privitera (TEAM JONICA MEGAMO), con il suo 5° posto, è riuscito ad aumentare il distacco da Antonio Matrisciano (TEAM GIUSEPPE BIKE), e Francesco Favale (CARBONUBO.CMQ), 6° assoluto di tappa, ha continuato a rosicchiare punti ai diretti avversari.

Alla sua quarta partecipazione a Filignano, Loredana Verlese (VITTORIA-LEPONTIA RACING TEAM) ha calato il Pocker di vittorie imponendosi tra le donne, ma rimane tatuata su Lucia Minervino (ELIOS SPECIAL BIKERS) la maglia fiorata del Trofeo dei Parchi Naturali.

Sul percorso Granfondo il podio è andato a Giovanni Pensiero (HGV CICLI CONTE RACING TEAM), Felice Giangregorio (ASD APICE TRE COLLI) e Roberto Pascarella (B TWIN RACING TEAM DECATHLON ITALIA), mentre è stato costretto ad una dura rimonta Angelo Tagliente (A.S.D MTB CASARANO) che, dopo aver sbagliato percorso al 7imo km, si è ritrovato in fondo al gruppo e, infine, ha chiuso in 4° posizione.

La 5^ Mainarde Bike Race, oltre a divertire con lo spettacolo offerto dal parterre di professionisti e dei migliori amatori dello scenario centro-meridionale, ha confermato di essere una tappa davvero dura ma, al contempo, spettacolare, grazie allo scenario del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e, soprattutto, grazie al passaggio nelle frazioni di Filignano, adibite a festa per l’evento. Un’accoglienza, quella molisana, che ha colto in pieno la volontà del Trofeo dei Parchi Naturali di creare una sinergia tra le 10 località ospitanti e gli atleti che, di domenica in domenica, oltre ad affrontare una tappa, scoprono dei luoghi e delle comunità che sono patrimonio del valore naturalistico del Sud Italia.

 Elisabetta Ciminelli

[Staff Comunicazione TPN18]

Joomla SEF URLs by Artio

Elpho Comunicazione STAFF COMUNICAZIONE. Trofeo dei Parchi Naturali