Finale davvero con il botto per il Trofeo dei Parchi Naturali. Dopo il grande successo di numeri della Sila Epic, la kermesse ad 8 tappe - che in 7 mesi ha girato gran parte del centro-sud (Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria) - è pronta a sbarcare in Sicilia. Sono 1000 gli atleti già iscritti e pronti a conquistare l’Isola il prossimo 24 settembre. L’Etna Marathon con questi numeri si presenta, ancora una volta, come la tappa più ambita ed apprezzata del sud, quest’anno arricchita non solo dal movimento del Trofeo dei Parchi Naturali -che in questi mesi ha spostato migliaia di atleti da una regione all’altra- ma anche del trofeo più importante del panorama nazionale: il Prestigio MTB.

Il percorso di 73.5 km e 2480 mt di dislivello, oltre alle difficoltà altimetriche e chilometriche, è in buona parte composto da un fondo di sabbia vulcanica che inasprisce le difficoltà. Le salite che maggiormente impegneranno gli atleti sono ben 4. La prima è quella di Serra Buffa, che con il suo fondo “basolato” e i picchi al 20% di pendenza, metterà a dura prova gli atleti già dai primi chilometri di gara. Breve respiro al km 13 con una discesa di un paio di km che anticipa la salita più lunga della giornata: quella che porta al GPM di Piano Provenzana a 1820mt (km 29). Le pendenze più aspre sono quelle che a metà percorso conducono al Rifugio Timparossa. Al 60imo km, infine, gli atleti affronteranno per la seconda volta la salita di Serra Buffa per poi lanciarsi in un lungo single track finale che per 10 km terrà impegnati i riflessi dei riders fino al traguardo di Milo.

A tutto ciò, come dichiarato dal due volte bronzo e una volta argento mondiale, Héctor Leonardo Páez, bisogna aggiungere le difficoltà respiratorie che, ai piedi di un vulcano dall’attività incessante come l’Etna, si fanno sentire.
Il campione della Polimedical-Frm, infatti, proprio nel maggio scorso ha scelto l’Etna per i suoi allenamenti in alta quota. Proprio in tale occasione il colombiano ha avuto la possibilità di apprezzare il percorso di Milo per la sua durezza, completezza e, perché no, per i suoi scenari unici.

L’inestimabile capitale naturale sicuramente agevola il sapiente lavoro dell’ASD Mongibello MTB Team, società organizzatrice dell’evento che anche quest’anno non ha lasciato nulla al caso: borsone Etna Marathon come pacco gara, utilizzo di materiali biodegradabili e prodotti a km 0 nei punti ristoro ed esperienze di wine tasting sono solo alcune delle grandi novità dell’edizione 2017.

Elisabetta Ciminelli
[Staff Comunicazione TPN]

Joomla SEF URLs by Artio

Elpho Comunicazione STAFF COMUNICAZIONE. Trofeo dei Parchi Naturali

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok Rifiuta